Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Avvicinare gli apprendenti di italiano a Dante e alla sua lingua

Data:

20/10/2021


Avvicinare gli apprendenti di italiano a Dante e alla sua lingua

Evento speciale per il VII centenario della morte di Dante Alighieri, nell’ambito della XXI Settimana della Lingua Italiana nel Mondo - SLIM2021

 

L'evento è stato rimandato a data da definirsi.

 

Giuliana Fiorentino, Università del Molise

Modera: Anna Lia Proietti Ergün, Università Tecniva Yıldız di Istanbul

Data: Mercoledì 20 ottobre 2021

Orario: alle 12.00 (TR) – 11.00 (IT)

Zoom webinar con traduzione simultanea in turco.

Il link di partecipazione sarà fornito su questa pagina.

L’apprendimento della lingua italiana si misura e si costruisce soprattutto sulla lingua contemporanea, che ha un immediato utilizzo professionale. Accanto alla lingua comune, gli apprendenti, soprattutto dei livelli avanzati, vengono introdotti ad apprezzare e usare le diverse lingue speciali, ossia le varietà di lingua che si sviluppano e utilizzano in contesti specifici e ristretti, ad esempio le varietà professionali (lingua giuridica, lingua della fisica, lingua dell’economia, e così via).

La lingua letteraria ha già uno spazio nella formazione linguistica di chi è interessato ad esempio a un percorso di tipo traduttivo.

La sfida e la proposta del nostro intervento consistono nell’indicare alcuni usi didattici della lingua dantesca anche per una didattica dell’italiano generale, purché riferita a livelli intermedi - avanzati.

La lingua di Dante infatti si caratterizza per l’uso particolare dei suoni della lingua (vedi le rime petrose, e l’esplicita dichiarazione di una ricerca di corrispondenza tra asprezza dei temi e della condizione interiore e asprezza dei suoni: Così nel mio parlar voglio esser aspro / com’è ne li atti questa bella petra), per il lessico ricchissimo, per la ricerca continua e creativa di neologismi (inzaffirarsi, adornarsi con uno zaffiro), per il ricorso a metafore e figure retoriche (la strema buccia che corrisponde alla ‘pelle umana’ paragonata a un frutto).

A queste qualità artistiche e poetiche della lingua dell’autore sommo si possono introdurre - in modo adeguato e proporzionato alle competenze già acquisite – anche gli apprendenti dell’italiano come lingua straniera per svelare alcune caratteristiche che sono comunque manifestate anche dalla lingua italiana contemporanea.

Informazioni

Data: Mer 20 Ott 2021

Orario: Alle 12:00

Ingresso : Libero


1787