Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Roma Istanbul, senza scalo

Data:

20/10/2014


Roma Istanbul, senza scalo

Opera dell’aria e del pensiero, per baritono e ensemble di solisti

Nell'ambito della 14. Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Roma Istanbul, senza scaloOpera dell’aria e del pensiero, per baritono e ensemble di solistiMusica di Federico Bonetti Amendola Libretto di Federico Bonetti Amendola e Mustafa Cenap Aydın Liriche di Francesca VariscoBaritono: Giuseppe Naviglio Aer Ensemble: Paolo Venturini (violino), Valentina Sgarbossa (violoncello), Francesca Sgarbossa (percussioni), Gülbahar Günay (kanun), Federico Bonetti Amendola (pianoforte), Ilaria Innocenti (scenografia sonora e produzione artistica), Mehmet Haluk Aydın (scultura sonora) Direzione musicale: Federico Bonetti Amendola L'azione musicale "Roma Istanbul, senza scalo" di Federico Bonetti Amendola, la cui prima esecuzione assoluta si terrà a Istanbul il 20 ottobre presso il Teatro della Casa d'Italia come concerto d'inaugurazione della XIV edizione della Settimana della Lingua Italiana nel mondo, nasce nell'ambito della collaborazione culturale tra l'Associazione Aer Arts di Milano e l'Istituto Italiano di Cultura di Istanbul. L'opera rappresenta il fantastico volo in aereo da Roma a Istanbul di un romano de Roma, il signor F.: i suoi dubbi, le sue memorie e i suoi sentimenti lo assediano dolcemente e insistentemente dal decollo all'atterraggio. Una vita passata a Roma rivaleggia con una sola settimana passata a Istanbul, ma la seconda Roma lo ha realmente stregato... E' un assedio a 10.000 metri di altitudine..., un assedio imprevedibile, come l'accavallarsi dei sogni e l'inseguirsi delle nuvole. Le parole dell'amico C., cittadino di Istanbul e guida ai segreti della sua città, si intrecciano ai ricordi della sua Roma natia e lo accompagnano nei suoi pensieri alla ricerca dell'Altra Roma, misteriosa e affascinante. Questo volo senza scalo crea nella mente di F. un ponte immaginario tra la città conosciuta e quella ancora sconosciuta, tra la Roma Eterna e la Roma Nuova, entrambe ricche di storia, quella dei libri, e di storie, anche personali, e prodighe di bellezze e di contraddizioni. Il turbine dei pensieri si trasforma in musica, le nostalgie di F. e le sue fantasticherie prendono voce, suscitando ritmi e armonie, tra Oriente e Occidente, da archi, legno, metallo, corde e perfino da una misteriosa scultura sonora. I pensieri di F. sono letti da Mustafa Cenap Aydin, coautore del testo. La voce che canta nella mente di F. è il baritono Giuseppe Naviglio che dialoga con i solisti dell'Aer Ensemble, Paolo Venturini violino, Valentina Sgarbossa violoncello, Francesca Sgarbossa percussioni, Gülbahar Günay kanun, l'autore Federico Bonetti Amendola pianoforte. I suoni elettronici di Ilaria Innocenti creano una scenografia sonora che interagisce con l'Ensemble e con il suono di una scultura sonora creata da Mehmet Haluk Aydin. Federico Bonetti Amendola nasce a Roma nel 1950, è un compositore e autore di teatro musicale. Le tematiche della sua attività creativa si possono ricondurre a tre filoni principali: “Musica e teatro“, opere liriche, azioni musicali e racconti sinfonici; “Musica e arte“, creazioni musicali dedicate ad opere d’ arte figurativa; “Musica e scienza“, opere ispirate al mondo della scienza. Scrive e realizza musiche originali per teatro e televisione, produzioni RAI, con Franco Zeffirelli, Mauro Bolognini, Glauco Mauri, Mario Scaccia, Anatolij Vasiliev e Marco Baliani. Crea anche azioni coreografiche e balletti, con importanti coreografi e compagnie quali Fabrizio Monteverde (Balletto di Toscana), Joseph Fontano (Fondazione Torino Spettacoli) e Giorgio Rossi (Ass. Sosta Palmizi). Compone opere liriche, song-cycles e musica strumentale per importanti istituzioni italiane e internazionali tra cui: Festival dei Due Mondi di Spoleto, Brighton Festival, ONU/ Unicef, Ministero Affari Esteri, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e ICBSA, Rettorato di Santa Croce in Firenze, Batignano Festival, Festival Internazionale della Pace di Assisi, Università di Bari, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Laboratorio di Tecniche Nucleari per i Beni Culturali (Firenze), Università degli Studi di Firenze, DISTI. Attualmente, è impegnato nella preparazione per il maggio 2015 di una nuova opera dal titolo "Alla ricerca di Dante" per celebrare i 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri su commissione del Rettorato e della Comunità francescana di Santa Croce e del Centro Dantesco di Ravenna. www.bonettiamendola.net

Informazioni

Data: Lun 20 Ott 2014


953